Gallone di petrolio a più di 4$? Dagli USA una “soluzione” contro il caro-greggio…

18 07 2008

Fin quando si guida comodamente seduti su un sedile di pelle-alcantara riscaldato di una Tahoe/Escalade nessun problema per il businessman americano. Ma siamo sicuri che gli amici d’oltreoceano (che stanno subendo come noi europei il caro petrolio) saranno disposti ancora per tanto a pagare più di 100$ per riempire il serbatoio dei loro mega Suv-Pickup? Secondo il NYTimes no.

Il metodo alternativo per fronteggiare l’aumento del prezzo del greggio più gettonato dagli americani, che non reputo più di tanto indirizzato veramente ad abbassare i consumi e quindi alzare i risparmi, è questo: perchè non affiancare al mezzo di famiglia (si parla, solitamente, di “auto” con cilindrate nell’ordine dei 4.000/5.000cc, 6-8 cilindri di norma, che quindi “bevono” molto!) qualcosa di meno dispendioso?

Certo, bella soluzione! Peccato che negli USA per “auto meno dispendiosa” si pensi, come affermato nell’articolo, a una Mini Cooper S, non certo l’icona dell’auto dai bassi consumi dalle nostre parti! Questo comunque non è certamente ciò che rende questo metodo quantomeno stravagante.

Viene riportato nell’articolo infatti che, nonostante sempre più americani acquistino auto più tranquille (con i relativi lauti guadagni dei concessionari che non aspettavano miglior occasione per riuscire a vendere quello stock di Yaris rimaste in magazzino a prezzi più alti del normale), queste ultime vengono personalizzate con qualsiasi tipo di optional presente in listino: dai sedili in pelle riscaldati, a sistemi multimediali al top, radio-navigatore satellitare, tetto panoramico…

Alcuni acquirenti intervistati dal quotidiano newyorkese riconoscono che questa mania di accaparrarsi tutti gli optional (che può far lievitare anche del 60% il prezzo di un’utilitaria), facendo due rapidi calcoli, non è molto intelligente, anzi, per niente…

Pensate sia possibile passare da un SUV a un veicolo di minor ingombro mantenendo lo stesso, elevatissimo, comfort? Magari non al 100% ma gli sforzi degli automobilisti americani sono davvero notevoli!

Questo è il LINK dell’articolo da cui ho tratto le mie osservazioni.

-Symo-


Azioni

Information

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger cliccano Mi Piace per questo: