Dodge Challenger SRT-8

15 10 2008

In epoca di crisi automobilistica (e non solo) riprende la produzione di muscle car americane.

La prima che voglio presentare è la Dodge Challenger; il passato è rievocato dal nome (lo stesso del modello “padre” e in parte dalla linea). Tutto il resto fa parte del mondo attuale.

La casa statunitense ne sta producendo 7000 (produzione che verrà aumentata nel caso di maggiore richiesta, che probabilmente ci sarà) anche se in Italia sarà molto dura vederla.

La vettura è parsa dai primi test ben riuscita: gli interni sono di tutto rispetto (dato che parliamo di un modello che condivide molto con la 300C di casa Chrysler), i posti comodi e lo sterzo preciso. Per quanto riguarda il motore si parla di un generoso 6.1 litri da 425 CV; la potenza è la stessa di quella del modello del 1970 di Bo e Luke e dato che il peso non è così eccessivo (1878 kg per una vettura di più di 5 metri x 2 di larghezza non sono troppi) la Challenger scatta da 0-100 in poco più di 5 secondi. Dato prestazionale non così comune ma altrettanto curioso è il tempo impiegato sullo 0-100-0 di circa 17 secondi; lo stesso della Aston Martin Vantage V8.

L’unica pecca è forse il cambio: ma dopotutto chi se ne importa di qualche cambiata un po’ più lenta di una supercar con cambio sequenziale. Il 5 marce automatico fa più che onestamente il proprio lavoro.

Brembo ha fornito la vettura di dischi anteriori da 360mm montati su “ruotine” da 20 pollici. Le sospensioni poi completano il quadro più che positivo della vettura: anche se le ruote spesso sembra non riescano a fare presa sull’asfalto, il corpo vettura rimane sempre in aderenza grazie a molti ausili elettronici.

Devo dire che sono affascinato da questo tipo di vetture: la linea retrò e la potenza senza eguali le rendono uniche nel loro genere. Sicuramente non sono le automobili da portare al limite in pista ma piuttosto da guidare con un filo di gas, un braccio appoggiato fuori dal finestrino e l’altro in alto sul volante.

-Symo-


Azioni

Information

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger cliccano Mi Piace per questo: