Nissan GT-R Spec-V

8 01 2009

Dopo numerose tra voci circolanti e foto rubate è stata rivelata quella che è la versione più piccante della supercar giapponese. Sarà valsa la pena aspettare tutto questo tempo? Valutiamo le differenze  tra GT-R standard e Spec-V per capirlo.

Iniziamo a sottolineare che per ora (come per quanto riguarda la GT-R standard) le vendite sono solo riservate al Giappone a un prezzo superiore ai 15 milioni di yen. La produzione delle fabbriche Nissan è volutamente limitata a 20 esemplari al mese.

E ora veniamo al sodo. E’ presente uno speciale kit di sospensioni Bilstein e freni carboceramici che danno una mano a frenare la vettura nelle situazioni più rischiose (si passa da una forza g frenante di 1.4G a 2G). Le prestazioni sono incrementate grazie a un controllo elettronico sul doppio turbo che permettono un incremento di coppia notevole agli alti e medi regimi. La potenza non di discosta molto da quella standard: si parla di circa 480CV e non dei 550 o più inizialmente previsti. In più permette al motore di girare a regimi più bassi salvando così anche un po’ di carburante (come se agli aquirenti di una Spec-V possa interessare quest’ultima ipotesi…)

Forse la caratteristica che rende più racing questa GT-R è la diminuzione di peso: i due sedili posteriori sono stati eliminati e ciò che rimane di quelli anteriori sono due gusci sottili in fibra di carbonio Recaro. Questo materiale è stato molto usato anche per rimpiazzare altri oggetti e particolari qua e là nell’abitacolo (come il cassettino di fronte al sedile del passeggero e il gruppo degli strumenti). A contribuire inoltre alla diminuzione di peso è il nuovo impianto di scarico in titanio (dal design veramente possente). La massa totale così scende da 1740 a 1680 kg.

Non è solo l’interno che è tappezzato di fibra di carbonio però. Anche all’esterno troviamo molti particolari costruiti di questo materiale: griglia del radiatore, spoiler posteriore e condotti dei freni. Sembrerebbe che l’unica tinta disponibile per la vettura sia il Ultimate Black Opal, un incrocio tra nero e viola metallizzato. Tuttavia circolano foto che ritraggono la vettura con colorazioni differenti e ciò fa pensare che gli eleboratori abbiano già iniziato a darsi da fare per proporre alternative ai propri clienti.

I cerchi di questa versione sono degli speciali 20″ forniti appositamente da NISMO che verranno anche messi a disposizione per le GT-R standard in futuro.

-Symo-


Azioni

Information

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger cliccano Mi Piace per questo: